San Patrignano è una casa, una grande famiglia che da 40 anni offre aiuto a giovani con problemi di tossicodipendenza.

Fondata da Vincenzo Muccioli nel 1978, da allora ha accolto oltre 26.000 persone donando loro una casa, assistenza sanitaria e legale, la possibilità di studiare e di imparare un mestiere, di cambiare vita e rientrare a pieno titolo nella società. Il tutto gratuitamente, senza oneri né per lo Stato né per le famiglie. Dei fondi necessari per gestire San Patrignano, la metà deriva dai proventi realizzati attraverso beni e servizi di San Patrignano. Il resto proviene da donatori privati o aziende che credono nel valore sociale del centro.

A San Patrignano sono attualmente presenti oltre 1.000 ospiti; è un modello di impresa sociale, conquistato con dura dedizione e con tanta volontà da migliaia di ragazzi che qui hanno ritrovato dignità e rispetto per se stessi.

San Patrignano crea per ogni giovane l’opportunità di scegliere, tra diverse possibilità di formazione, la più vicina alle proprie attitudini. Il modello di recupero passa attraverso un percorso educativo, fondato sul riconoscimento di valori universali.

Nella mission di San Patrignano accanto a recupero e formazione c’è la prevenzione, progetto rinnovato annualmente che raggiunge oltre 50mila studenti di tutta Italia attraverso visite, incontri, spettacoli. San Patrignano è stata riconosciuta nel 1997 dalle Nazioni Unite come ONG con lo status consultivo in materia di droghe e problematiche sociali (ECOSOC).